• compliance e AEO

    Dogana, atto attività istruttoria: no impugnabilità

    La Corte di Cassazione con sentenza n. 19453 del 10 luglio 2023  ha ribadito che: “…In materia doganale, l’atto conclusivo dell’attività istruttoria…avendo unicamente la funzione di mettere a conoscenza il contribuente circa gli esiti della suddetta attività ed al quale consegue l’eventuale successiva adozione dell’atto impositivo, non ha natura di atto idoneo a produrre effetti giuridici nella sfera persone del medesimo contribuente….non è autonomamente impugnabile…;.

  • compliance e AEO,  valore in dogana

    IVA, esportazione, customs compliance e AEO

    Esportare senza pagare l’IVA: un beneficio che richiede degli accorgimenti. Al riguardo, la Corte di Cassazione con la propria sentenza  n. 36417 del 13 dicembre 2022, ribadendo i criteri da rispettare perché la cessione di beni attraverso esportazione sia esente da IVA e ha sottolineato che: A norma dell’art. 8, comma 1, lett. a), del d.P.R. n. 633 del 1972, la destinazione della merce all’esportazione deve essere provata dalla documentazione doganale, ossia dalla vidimazione apposta dall’ufficio doganale sulla fattura o su un esemplare della bolla di accompagnamento o anche, se quest’ultima non è prescritta, del documento di trasporto, oppure secondo modi e tempi previsti da appositi decreti ministeriali per le…

  • accise e imposte di consumo,  circular economy,  energie rinnovabili

    Rimborso accisa energia elettrica

    La Dogana italiana ha chiarito che la decadenza biennale del rimborso d’accisa sull’energia elettrica non si applica se: – il rapporto tributario è in corso; – il credito è riportato nelle successive dichiarazioni regolarmente presentate; – il credito medesimo viene detratto dai successivi versamenti di acconto. Ha aggiunto che il rimborso dell’intero credito è possibile solo in presenza della cessazione dell’attività dell’operatore della chiusura del rapporto tributario, a decorrere dal quale può essere richiesto in denaro entro due anni dalla presentazione dell’ultima dichiarazione di consumo. Questa nota informativa adegua l’operato delle Dogane alla giurisprudenza prevalente (Corte Cassazione) e dottrina.

  • circular economy,  energie rinnovabili

    Rendita catastale, sentenza passata in giudicato, modifica retroattiva

    Non sempre è possibile ottenere la modifica della rendita castale attraverso le procedure amministrative da attivare presso l’Agenzia delle Entrate. Per questa ragione e avverso dei provvedimenti di riclassificazione della rendita catastale (di un impianto eolico, fotovoltaico o per la generazione di energia elettrica) è possibile proporre ricorso innanzi alla commissione tributaria provinciale territorialmente competente. La Corte di Cassazione con la sua ordinanza del 9 giugno 2022 n.18637 emessa dalla sua V sezione ha affermato che la rendita catastale risultante da sentenza passata in giudicato ha efficacia retroattiva sin dalla data di attribuzione della rendita errata. Non è necessario attendere l’iscrizione negli atti catastali. Si indicano di seguito i principali…