compliance e AEO

  • accise e imposte di consumo,  circular economy,  compliance e AEO,  valore in dogana

    Circular economy, ISO, ESG, accise e dogane: una breve sintesi

    E’ stata pubblicata la norma ISO 59004:2024 (“Circular economy – Measuring and assessing circularity performance”) la quale ha lo scopo di spiegare come implementare una guida per lo sviluppo di misure di economia circolare per  qualsiasi tipo di organizzazione. Le misure in esame mirano a: – promuovere soluzioni più sostenibili e ambiziose. -Migliorare le relazioni con gli stakeholder. – contribuire all’ ottenimento efficace ed efficiente degli obblighi volontari e legali. – fornire un contributo alla mitigazione e all’adattamento ai cambiamenti climatici. -Aumentare la resilienza contro la scarsità di risorse e altri rischi ambientali, sociali ed economici. Questo standard per la misurazione delle performance ambientali può rappresentare un interessante strumento per…

  • compliance e AEO

    CBAM: from July 2024 no default value

    The countdown for the phase of CBAM is going ahead: from July 2024 it is not possible make CBAM reporting with default value. Indeed, as EU Commission explained: “… During the three first quarterly reports (Q4 of 2023 and Q1&2 of 2024), declarants may report embedded emission based on default values made available and published by the European Commission without quantitative limit; From Q3 of 2024 and until the end of 2025, declarants can still report emissions based on estimations but only for complex goods and with a limit of 20% of the total embedded emissions. Using default values would qualify as ‘estimation’….”. It is interesting to recall that CBAM…

  • compliance e AEO

    Informal Expert Group on the CBAM: the presentation

    The presentation made by the  Informal Expert Group on the CBAM [ TAXUD-CBAM-EXPERT-GROUPS@ec.europa.eu ]at its 1st Meeting held on 23 April 2024     lists that the criteria for the CBAM application which are: “• Name, address and contact information; • EORI number; • Main economic activity carried out in the Union; • Certification by the tax authority in the Member State where the applicant is established that the applicant is not subject to an outstanding recovery order for national tax debts; • Declaration of honour that the applicant was not involved in any serious infringements or repeated infringements of customs legislation, taxation rules or market abuse rules during the five years…

  • compliance e AEO

    CBAM: a practical summary of what you need to take into consideration

    The presentation provided by the French Department for Ecology on CBAM gives the occasion to summarize the guidelines of CBAM implementation inside the economic operators. As Andrea Zanon said “…What is clear, however, is that CBAM is a game-changer, and it is very likey to reshape global trade forcing nations to confront the urgent challenges of climate change mitigation and adaptation. As the world adjust to this clean tech influence policies, the stakes have never been higher…” It is a game-changer which should be managed by the economic operators with a customs compliance /AEO approach. To streamline the regulation about carbon border adjustment mechanism it is possible to say that…

  • compliance e AEO,  free trade agreement,  made in,  valore in dogana

    AEO e processi di controllo interni: considerazioni operative per una compliance condivisa ed effettiva

    L’AEO (operatore economico autorizzato o authorized economic operator) è l’unica autorizzazione, di natura esclusivamente unionale che modifica l’elemento soggettivo passivo dell’obbligazione doganale. Infatti rende affidabile il suo titolare. Attribuisce un carattere dell’operatore economico che consente il godimento di una serie di benefici. In linea con la normativa unionale e nazionale, l’AEO è un’autorizzazione basata: sul monitoraggio interno, costante e tracciato delle funzioni aziendali che afferiscono direttamente o indirettamente alle attività doganali dell’operatore economico; su un audit di natura complessiva e sviluppato rispetto alle peculiarità dimensionali del soggetto istante e del suo business aziendale che impatta sulla normativa doganale. In particolare, nell’allegato 2 degli orientamenti AEO a pagina 205 viene espressamente…

  • circular economy,  compliance e AEO

    Italian plastic tax postponed to 1 july 2026

    into force of plastic tax should enter into force on 1 of July 2026. We are now waiting for the publication of this measure on the Italian official journal. The taxable products are the items that consist partially or completely of organic polymers of synthetic origin. In addition, such products that serve to enclose, protect or supply goods or foodstuffs and are not intended for reuse. The taxable entities are: a) importer; b) purcheser in Italy of goods manufactured into the EU and sold from one of the member states; c) producer. Finally, it is interesting to add that: the legislative goal is to promote the reduction in the production…

  • compliance e AEO

    Guida OECD sul dovere di diligenza per la condotta d’impresa responsabile (Responsible Business conduct o RBC)

    L’approfondimento di tematiche come la customs compliance AEO, modello di gestione ex D.lgs 231/2001, materie prime strategiche, CBAM, due diligence in materia di deforestazione ed impoverimento delle foreste, suggerisce di tenere in seria considerazione la guida sul dovere di diligenza per la condotta d’impresa responsabile dell’OECD la quale mira a “…offrire…un supporto pratico volto all’implementazione delle Linee guida OCSE destinate alle imprese multinazionali, usando un linguaggio semplice per spiegare le raccomandazioni sul dovere di diligenza e le relative disposizioni…”. Tale diligenza rappresenta l’ossatura della condotta d’impresa responsabile (Responsible Business conduct o RBC) Si rivolge, in particolare, alle seguenti categorie di soggetti: Tutte le imprese multinazionali, a prescindere dalla struttura proprietaria,…

  • compliance e AEO

    Italian customs reform: a short update

    The reform of the Italian customs system is proceeding  as indicated by the press release no. 75 of the Italian Goverment issued on 26 March 2024. The draft of decree that will abolish the TULD (Presidential Decree no. 43 of 1973 together with other legislative provisions dating back to the second half of the 19th century) will have to be approved and verified by parliamentary commissions. As will be seen later, as regards the customs sector, the main areas of innovation are:   Sanctions and new regulation of smuggling; Telematization of customs activities; Harmonization and adaptation of the national system with the European regulatory framework; Synergy between the Customs Agency…

  • accise e imposte di consumo,  compliance e AEO

    Accise, compliance decreto legislativo 231/2001 e riforma del sistema doganale italiano

    La bozza di decreto di riforma del sistema doganale apporta modifiche anche al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504 recante il testo unico sulle accise e le imposte indirette sul consumo (di seguito anche “TUA”). In particolare, l’articolo 40 TUA ha subito degli interventi volti a introdurre, nella valutazione della responsabilità dell’agente, delle condotte preparatorie e prodromiche per le quali può essere rilavata la non riconducibilità all’illecito di sottrazione. Infatti, se risulta che queste non sono dirette a realizzare condotte di sottrazione alle imposte non si applica la sanzione poiché non esiste la presunzione di colpevolezza in materia penale.  Viene introdotta con una nuova norma specifica, la sottrazione dei…

  • compliance e AEO

    Riforma del quadro normativo italiano: una breve analisi delle principali novità per gli operatori

    La riforma del sistema doganale italiano procede come indicato dal comunicato stampa n. 75 del Consiglio dei Ministri pubblicato il 26 marzo 2024. La bozza del decreto che abolirà il TULD (DPR n.43 del 1973 insieme ad altri provvedimenti legislativi risalenti anche alla seconda metà del 1800) dovrà essere approvata e verificata da Commissioni parlamentari. Come si vedrà in seguito, per quanto riguarda il settore doganale, i principali ambiti di novità sono: Sanzioni e nuova regolamentazione del contrabbando; Telematizzazione delle attività doganali; Armonizzazione e adeguamento del sistema nazionale con il quadro normativo europeo; Sinergia tra Agenzia delle Dogane e Guardia di Finanza; Nuova disciplina dell’accertamento, riscossione e garanzie; Nuove definizioni…